clicca

 

cerca tra le news

   Ciao Anonimo Home  ·  Registrati  ·  Area Personale   ·  Forum ·  Newsletter  
 
 

 
 

 
 
 
 

Newsletter

Vuoi essere informato sulle nostre news?

Inserisci la tua email, riceverai non più di una newsletter a settimana

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l''iscrizione

 
IL SUBAPPALTO: UN PROBLEMA O UN’OPPORTUNITÀ?
20/10/2017

Relazione sull'argomento a cura di Carlo Deodato Presidente Sezione giurisdizionale C.g.a.

SOMMARIO:

1. Premessa;

2. I differenti obiettivi della regolazione europea e italiana del subappalto;

3. L’analisi del Consiglio di Stato; 4. Genesi ed evoluzione del subappalto;

5. La limitazione quantitativa: un caso di gold plating?;

6. La giustificazione relativa alla tutela delle piccole e medie imprese;

7. I possibili correttivi.

-----------------------

Riportiamo la prima parte della premessa:

1.- Premessa

Il subappalto è senz’altro uno degli istituti più tormentati dell’ordinamento dei contratti pubblici.

Ancorchè, infatti, il subappalto abbia ricevuto, nelle diverse direttive europee, un regime normativo piuttosto liberale, il Legislatore italiano si è affannato a presidiarlo di limitazioni e condizioni che ne hanno circoscritto significativamente l’ambito applicativo.

La disciplina più restrittiva è stata dichiaratamente giustificata con l’esigenza di realizzare i preminenti interessi pubblici alla preservazione del mercato dei contratti pubblici da rischi di infiltrazione, proprio attraverso l’uso fraudolento dello strumento del subappalto, della criminalità organizzata (si veda la relazione AIR al decreto legislativo n.50 del 2016).

SCARICA LA RELAZIONE DAL SITO DEL CONSIGLIO DI STATO (file .doc)

 


 
 
 
Privacy Policy

 

Aedilweb.it - edilizia in rete
email: info@aedilweb.it
tel. 0923.944325
© 2001-2016 Aedilweb.it - Tutti i diritti riservati.
P.iva: 02621160817

Aedilweb.it, non si ritiene responsabile dei siti collegati ad aedilweb attraverso i propri links o banner, ne' delle informazioni contenute negli annunci pubblicitari sia gratuiti che a pagamento presenti nel proprio sito, inseriti o commissionati dagli utenti, ne' di informazioni commerciali o pubblicitarie, di societa' o ditte esterne, da noi inviate tramite email agli iscritti della nostra news letter.